Un professore universitario, Stefano Nari, docente di letteratura comparata, sta rientrando in Facoltà dopo un incontro amoroso con una studentessa (Olivia). Lo attende una sgradevole sorpresa: il suo assistente (Lorenzo), gli mostra una lettera pubblicata sull’ultimo numero della rivista Ateneo. Un anonimo lo accusa di esser incorso in un clamoroso errore in un suo articolo dedicato “all’elogio del tradimento”: citando come esempio positivo di “tradimento” il film di Jean Luc Godard, Il disprezzo, tratto dall’omonimo romanzo di Alberto Moravia, il Prof. Nari dimentica che il film, nella sua versione italiana, è stato a sua volta “tradito” malamente dal produttore che ne ha modificato le musiche e tagliato alcune scene significative. Una banale dimenticanza per una persona “normale”, non per un docente universitario affermato, rispettato, invidiato per la sua carriera, e temuto per il suo potere accademico. Da questo momento il Prof. Nari è assalito da dubbi e sospetti: chi lo odia a tal punto da volerlo colpire così subdolamente?

008

Luca Lionello interpreta Stefano Nari (foto di Mario Dondero)